Home / Notizie dalle Aziende / Toyota progetta l’elettrico del futuro con un nuovo magnete
Toyota progetta l'elettrico del futuro con un nuovo magnete

Toyota progetta l’elettrico del futuro con un nuovo magnete

Toyota Motor Corporation a gennaio 2018 ha ufficializzato lo sviluppo del primo magnete al mondo al Neodimio ridotto, con alta resistenza al calore.

Tale tipologia di magneti viene utilizzata in vari tipi di motori. A cominciare da quelli ad alto rendimento che si trovano nei veicoli elettrificati, il cui mercato è in costante espansione.

La tecnologia delle terre rare

Il nuovo magnete utilizza molto meno Neodimio, una delle rare-earth, insieme al Lantanio, al Cerio, al Terbio e al Disprosio.Toyota progetta l'elettrico del futuro con un nuovo magnete

Le nuove tecnologie adottate dalla casa giapponese sopprimono il deterioramento dovuto a coercitività e resistenza al calore, anche quando il Neodimio viene sostituito con Lantanio e Cerio.

Ha quindi sviluppato un magnete con livelli equivalenti di resistenza al calore come i precedenti magneti al Neodimio, riducendo però fino al 50% la quantità di materia prima utilizzata.

Dalla mobilità alla robotica

Questo nuovo tipo di magnete sarà utile nell’espansione dell’uso di motori in varie aree: dalle automobili alla robotica.

Nello stesso tempo, contribuirà a mantenere un equilibrio tra l’offerta e la domanda delle preziose risorse di terre rare.Toyota progetta l'elettrico del futuro con un nuovo magnete

L’obiettivo di Toyota è, tuttavia, di accelerare lo sviluppo delle tecnologie di massa, con l’obiettivo di implementarle anticipatamente nei motori utilizzati per varie applicazioni.

L’azienda posiziona tali tecnologie come essenziali per i veicoli elettrificati e continuerà a fare progressi costanti in ogni area.

About Giuliano Cuccurullo

GUARDA ANCHE

Brexit, Jaguar chiede garanzie al governo britannico: a rischio 1,2 Mld l'anno

Brexit, Jaguar chiede garanzie al governo britannico: a rischio 1,2 Mld l’anno

Il colosso automobilistico del Regno Unito teme che gli accordi commerciali con l’UE non imbocchino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *