martedì , 25 luglio 2017
Home / LIFESTYLE / Casa e Giardino / Arredamento / Specchi o oggetti d’arte? Il design originale delle nuove proposte
Specchio collezione Ghidini1961

Specchi o oggetti d’arte? Il design originale delle nuove proposte

Padelle? No, specchi! Gufi? No, specchi! Proprio loro, nati per aiutarci a comprendere il significato della parola “identità” sembrano perderla, in questa evoluzione di stile che li coinvolge e, talvolta, li stravolge.

Sono bizzarri, eccessivi, alternativi; sono protagonisti esattamente come chi si riflette in loro. Eccone alcuni davvero originali!

Animali per Ciarmoli Queda

Monkey, Owl e Fox sono tre specchi a forma di animali che ricordano l’aspetto giocoso della vita, il collegamento alla natura e il ritorno all’essenzialità.

Questi divertenti e ingenui oggetti, un gufo, una scimmia e una volpe, diventano un ornamento funzionale, ironico, in qualche modo rassicurante, portando tutti, specialmente gli adulti, in un viaggio nel mondo della fantasia, immersi nella magia della foresta e delle favole.

Essentials è una collezione di decorazioni e accessori firmata da Simone Ciarmoli e Miguel Queda; tutti gli oggetti di questa linea 2017 – realizzati in collaborazione con aziende italiane di alto profilo – condividono una minuziosa attenzione ai dettagli.

I tre specchi – inseriti in un’istallazione di cui abbiamo scritto qui – sono pezzi di un linguaggio tutto da sperimentare.

Specchio "Gufo", Collezione Ciarmoli Queda 2017
Monkey, Ciarmoli Queda

Ghidini1961

Fryng Pan non è solo uno specchio, ma un vero e proprio oggetto d’arte. E’ provocazione, la provocazione di una specchio/padella che ti viene più da trattare come pezzo da collezione privata che come elemento funzionale.

La serie Farm, di cui Fryng Pan fa parte, è stata presentata per la prima volta in occasione della Design Week 2008 di Milano, su progetto di Studio Job; un’installazione che, secondo gli artisti,  segnava il ritorno agli elementi rurali nella progettazione e nella società. 

Immagini che ridimensionano oggetti della stalla, una vanga e un forcone, caraffe per il latte e secchi, delle pentole e una padella, che funge anche da specchio. Ora che gli agricoltori di tutto il mondo ci vestiranno, sfameranno e saranno il nostro carburante un movimento di vasta portata spingerà i progettisti a rivisitare oggetti popolari e agricoli in modo da fondere lo stile rurale e urbano.

Studio Job

Accanto all’edizione del pezzo artistico in bronzo di Fryng Pan del 2008, è nata un’edizione più accessibile che è l’idea di Collezione Ghidini 1961: permettere ad ognuno di eleggere il proprio oggetto dei sogni tra piccoli gioielli di stile e design. 

Gli oggetti della nuova Collezione Ghidini1961 sovvertono la percezione estetica di un ambiente; e inoltre sono perfetti nella loro manifattura, utili, pratici e armoniosi. 

Specchio Fryng Pan, collezione Ghidini1961

Midsummer, Milano

Si chiama Flower Power ed è un oggetto prezioso. Riflessi di luce e colori acquistano poesia in mezzo ai fiori immaginari che riflettono e rimandano la realtà. Si tratta di uno specchio decorativo con fiori e foglie tagliate al laser, la cornice, in noce Canaletto sagomata, sdrammatizza questo oggetto dalle linee anni ’80. Alcuni dettagli in plexiglas impreziosiscono questo specchio che è insieme un ritratto da tavolo. La giovane azienda milanese si cimenta in oggetti esclusivi, originali ed elegati, e sembra riuscirgli bene.

 

Officina, Magis

Di Officina – pirito profondamente raffinato ed elegante – abbiamo già parlato qui; ma l’originalità di questa linea, disegnata dai designer Ronan & Erwan Bouroullec, non ci stanca.

Magis ha esplorato un nuovo linguaggio creativo, confrontandosi con l’ antichissima tecnica della forgiatura del ferro, grazie alla quale, attraverso la storia, sono nati infiniti oggetti di uso quotidiano e manufatti d’arte.

Tra loro brilla, per originalità, lo specchio da terra Officina; questo oggetto d’arredo contiene in se tutte le caratteristiche del ferro forgiato che, con il suo fascino di materia prima ancestrale, viva e al contempo imperfetta, contrasta con il “materiale” specchio, costruendo insoliti equilibri.

La caratteristica finitura superficiale del ferro battuto rende i prodotti della collezione degli oggetti di design con un segno vivo, che conferiscono interessanti contrasti all’ambiente con il carattere distintivo della lavorazione industriale. Adatto ad ambienti minimal, perfetto in contrasto con mood eleganti e barocchi, lo specchio Magis è un colpo d’occhio davvero intrigante.

Magis - Officina, Salone del mobile 2017

About Piera Palermo

GUARDA ANCHE

Sofà Herman, Natuzzi 2017

Estate 2017: l’arredo Natuzzi si veste di bianco

Retrò, contemporaneo, ma anche post moderno: c’è posto per tutti gli stili nella collezione Natuzzi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *