Home / MODA / Abbigliamento e accessori / Abbigliamento e Accessori Donna / Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un “intimo da passeggio”
Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un "intimo da passeggio"

Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un “intimo da passeggio”

E se la lingérie diventasse, da accessorio intimo ad applicazione esteriore dell’abito? O se l’abito stesso avesse la forma di un corsetto? Bé sarebbe un Intimo da Passeggio.

La collezione Erika Cavallini primavera estate 2018 narra la storia di donne diverse. Una storia dove il fascinoso universo della lingerie vive un processo di sublimazione.Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un "intimo da passeggio"

Assolutamente degna di nota, intanto, è la scelta della maison di mettere in passerella donne anche non più giovani. Radicalmente rivoluzionario, poi, è lo stile della collezione.Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un "intimo da passeggio"

L’arte della seduzione la racconta un’etichetta. La lingérie si sovrappone all’abito, oppure ne è parte integrante.Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un "intimo da passeggio"

Erika Cavallini cambia i codici

I tessuti restano fluttuanti; sono trasparenti e sottili. Mentre cambia il taglio, secondo un segno che lascia tracce del passato ma solcando nuovi stili.

Gli abiti hanno, sì, un vago richiamo agli anni ’20 ma in un gioco degli opposti che viene smontato, ribaltato, reinventato.

Il contrasto tra femminile e maschile diventa meno netto, a vantaggio del primo genere. I pigiami militari sono stati scomposti e riassemblati.

Le giacche vengono ridotte nelle dimensioni, si avvicinano al corpo, non hanno paura di avvolgerlo. Le maniche ora sono quelle di un kimono: ampie, più corte, foderate e bordate con foulard.

I pantaloni diventano gonne, senza perdere la propria identità, testimoniata da cuciture, pieghe, dettagli di costruzione.

L’essenza del vestire

Togliere anziché aggiungere: è il fil rouge della collezione. Un po’ come la filosofia di certi artisti della musica o della scultura: è una storia di sottrazione. Di scarnificazione del capo.

I “dietro” sono eliminati. La schiena rimane nuda. Le forme over si rimpiccioliscono. Gli orli si ripiegano. Si mettono punti intorno alla vita, fino a farla diventare stretta.

Il denim indigo di jeans vintage, bleached, viene scomposto e ricomposto come i pigiami militari. Stessa storia per le sottovesti anni ‘70, super colorate.

I foulard trattati con il tè, danno vita a piccoli kimoni. Babbucce marocchine, con o senza tacco in plexy, con applicazioni di piume di struzzo, come le ciabatte da camera.Moda estate 2018, lo stile di Erika Cavallini è un "intimo da passeggio"

Tutte le nuances dello stesso colore. Quelle del rosa, del bianco, del blu e del kaki. Lini e cotoni purissimi, usati nella loro croccantezza. Denim, popeline, sete e cotoni spalmati

About Denise Mattioli

GUARDA ANCHE

Eyewear 2018: Fendi rivoluziona le regole dell'eleganza. E si vede

Eyewear 2018: Fendi rivoluziona le regole dell’eleganza. E si vede

Da oggi avere una borsa sotto gli occhi è segno di classe e ricercatezza. L’iconica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *