Le proprietà del luppolo: ecco perché la birra fa bene alla salute

Tutti sappiamo che la birra si ricava dal luppolo, ovvero una pianta lianosa delle Cannabacee con foglie palmate, fiori verdi giallognoli riuniti in brevi infiorescenze di forma ovale.

La birra oltre ad essere buona da bere, presenta moltissimi altri vantaggi in quanto è molto utile per fronteggiare stress, problemi di gastrite e mal di testa.

Alcuni scienziati hanno condotto degli studi approfonditi, dai quali è emerso come il luppolo sia benefico anche sotto altri punti di vista.

Dai risultati dei test eseguiti si evince che le componenti della pianta siano in grado di disintegrare le cellule di cancro del fegato, così come anche quelle del cancro al colon.

Tali studi risalgono a molto tempo fa, ovvero circa 20 anni fa, periodo in cui è stato preso in esame, in quanto oggetto di studio, l’antiossidante xantumolo.

I ricercatori inoltre hanno trovato due derivati dello xantumolo, ​​ovvero il DXN ed il TXN, che potrebbero risultare molto più efficaci.

Lo studio è stato portato avanti dall’Oregon State University ed, in particolare, dal professore Adrian Gombart che è il principale ricercatore.

Proprio quest’ultimo ha affermato come segue: “Lo xantumolo ha dimostrato di inibire la proliferazione di una varietà di linee cellulari tumorali. In questa ricerca abbiamo dimostrato la capacità di XN di arrestare la crescita cellulare. E uccidere due linee cellulari di cancro al fegato e due linee cellulari di cancro del colon. XN è una fonte di fitoestrogeni, una sostanza chimica presente in piante che sono simili agli estrogeni dell’ormone sessuale femminile. I fitoestrogeni sono utili per combattere i tumori ormonali, come il cancro al seno ed il cancro alle ovaie”. Dallo studio è emerso che la sostanza chimica influenza, d’altro canto, anche la fertilità e l’equilibrio degli ormoni.

Dai test condotti dal professor Gombart si evince che il DXN ed il TXN ​​potrebbero essere in grado di inibire le cellule tumorali più efficacemente, ostacolando la crescita cellulare e causandone la morte cellulare.

Secondo il World Cancer Research Fund, il cancro del colon-retto è la terza causa più comune di morte correlata al cancro nel mondo, mentre il tumore del fegato è al sesto posto.

Il professor Gombart afferma che “per entrambi questi tumori, la scoperta di nuovi composti per la prevenzione ed il trattamento è fondamentale”.

I due composti derivati dallo xantumolo potrebbero assumere rilevanza dal punto di vista farmaceutico.

Maria Cirillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *