Home / SCIENZA / La vaschetta per lavare i parabrezza ora si riempie da sola: con la pioggia
La vaschetta per lavare i parabrezza ora si riempie da sola: con la pioggia

La vaschetta per lavare i parabrezza ora si riempie da sola: con la pioggia

L’idea è venuta in mente a due bambini, fratello e sorella. Il loro esperimento è stato preso alla lettera dagli ingegneri Ford. Nasce il primo riciclo di acqua piovana per lavare i parabrezza.

Tutto nasce da un giusta domanda

Perché limitarsi a lavare via le gocce d’acqua piovana dal nostro parabrezza quando potremmo riadoperarle risparmiando miliardi di litri d’acqua?

Daniel e Lara Krohn, sono i due fratelli che, l’estate scorsa, mentre viaggiavano a bordo dell’automobile di famiglia, si sono ritrovati nel bel mezzo di un acquazzone.

Quando Gerd, il loro papà, al volante, ha cercato di ripulire il parabrezza, la vaschetta dei liquidi lavavetro era vuota e il vetro, goccia dopo goccia, sempre più sporco.

L’idea portata in una competizione scientifica

Da qui, l’innovativa idea dei due fratelli sul riutilizzo dell’acqua piovana, che ha permesso loro di vincere una competizione scientifica locale e che, ora, verrà testata con un’automobile a grandezza naturale.La vaschetta per lavare i parabrezza ora si riempie da sola: con la pioggia

Daniel (11 anni)…

Ci siamo ritrovati nel mezzo di un acquazzone. C’era acqua dappertutto, tranne che nella vaschetta dei liquidi lavavetro.

Io e mia sorella abbiamo immediatamente pensato che questo fosse così ironico! E poi improvvisamente la lampadina: bastava semplicemente riutilizzare la pioggia!

… e Lara (9 anni)

Non potevamo credere che nessuno ci avesse mai pensato prima. Per provarlo, abbiamo smontato la nostra autopompa dei pompieri giocattolo e l’abbiamo fissata a un modellino, all’interno di un acquario. Quindi abbiamo aggiunto un sistema di filtraggio per garantire che l’acqua fosse pulita. Ha funzionato davvero bene.

Gli ingegneri di Ford, non appena hanno sentito parlare dell’idea, ne sono stati così entusiasti da offrirsi di testare il dispositivo. Così lo hanno applicato a una vera Ford S-MAX.

Per raccogliere l’acqua, dei tubi di gomma sono stati collegati dal parabrezza alla vaschetta dei liquidi lavavetro.

Theo Geuecke, Supervisor, Body Exterior Hardware, di Ford Europe

L’idea di Daniel e Lara, era lì a portata di mano di tutti i conducenti, ma ci è voluto un lampo di genio perché potesse divenire realtà.

In meno di cinque minuti di pioggia la vaschetta dei liquidi lavavetro è completamente piena.

La vaschetta per lavare i parabrezza ora si riempie da sola: con la pioggiaSi prevede che l’utilizzo di acqua da parte dei veicoli possa aumentare in quanto anche telecamere e sensori devono essere mantenuti puliti.

Gli ingegneri di Ford, a tal proposito, stanno già lavorando a nuove metodologie per il recupero dell’acqua, ad esempio, attraverso la pioggia e la condensa, e anche, assorbendo l’umidità dall’aria per poi filtrarla ottenendo così acqua potabile (Ford On the Go H20).

About Diego Marino

GUARDA ANCHE

E' un Fiat Panda la prima auto a biometano: in fase sperimentale

Fiat-Chrysler mette in moto la prima vettura con il biometano prodotto dai cittadini

Non è una DeLorean e forse non può andare avanti e indietro nel tempo, ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *