Animali selvatici: salvati 1034 animali nei comuni dell’Ausl Centro nel 2018

Animali selvatici: salvati 1034 animali nei comuni dell’Ausl Centro nel 2018

Il 2018 è stato l’anno dei soccorsi per ben 1084 animali selvatici che si trovavano nei pressi dei comuni dell’Ausl Centro: caprioli, cervi, daini, cinghiali, tassi, volpi, scoiattoli, specie protette come lupi e rapaci ma anche uccelli ed altre specie tra tartarughe, conigli e gerbilli.

Ben 809 specie di animali sono state soccorse nella provincia di Firenze che risulta, tra le provincie toscane, quella con maggiore attività di soccorso.

A Pistoia le specie di animali recuperate sono ben 149, 71 in provincia di Empoli mentre 40 a Prato.

Si tratta di un vero e proprio “pronto soccorso” quello dedicato al recupero tempestivo dei selvatici, i quali sono stati vittime di incidenti stradale o di situazioni difficili che richiedono l’aiuto dei soccorsi.

La regione Toscana ha fatto si che, attraverso la disposizione di un mandato, il dipartimento della prevenzione, insieme alla struttura aziendale di Igiene Urbana afferente all’area sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare diretta dal dottor Stefano Cantini, abbia istituito un sistema di recupero selvatici.

Si tratta di un quadro operativo consolidato nel tempo, oltre ad essere integrato sulle attività di soccorso agli animali in collaborazione con l’Ordine dei Medici Veterinari di Firenze e del Volontariato.

A sostegno di questo sistema vi è una rete di supporto tecnico a gestione dell’emergenza, la quale coinvolge differenti “attori” quali carabinieri, guardie forestali, polizia provinciale e la polizia municipale.

Si collabora inoltre con il Dipartimento di medicina veterinaria dell’Università di Pisa e dell’Università di Padova, con l’Istituto Zooprofilattico sperimentale di Firenze per lo sviluppo di progetti di ricerca in ambito clinico e di malattie infettive.

Lo scopo del sistema messo a punto è trattenere gli animali, versanti in situazioni meno gravi, per un periodo di tempo non molto lungo.

Esso comporta non poche difficoltà legate, ad esempio, agli accessi inopportuno degli animali come ad esempio degli orfani i quali vengono trasportati al PS da semplici cittadini, ignorando ad esempio di aver spaventato la madre e di aver condannato il povero animale ad un difficile reinserimento in natura.

Il salvataggio più esemplificativo del buon funzionamento di questo servizio è dato dalla storia di Goldrake, un grifone ferito durante la migrazione e recuperato nella superstrada FI-PI-LI  su richiesta della polizia stradale.

Il soccorso è coordinato dal Centralino di Protezione Civile di Firenze, attivato dalle Forze dell’Ordine oppure dai Medici Veterinari sul territorio.

 

Maria Cirillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *